PrecedenteIndiceSuccessivo

Asteraceae

Le Asteraceae (Composite) anno fiori piccoli, organizzati in capolini avvolti da un involucro di brattee o squame, che spesso simulano singoli fiori. L'involucro dei capolini č ricoperto da foglie modificate dell'aspetto pių diverso: possono essere verdi, e disposte in una sola serie, in due serie (una di brattee pių brevi, l'altra di brattee pių lunghe) o a spirale, oppure non verdi, e spesso corredate di appendici a forma di spina, di pettine, o di ventaglio (come nel genere Centaurea). I veri fiori delle Asteraceae sono di due tipi:
a) fiori tubulosi, a simmetria raggiata (ad esempio quelli che formano il bottone giallo delle margherite),
b) fiori ligulati, a simmetria non raggiata, in cui tutti i petali sono fusi in una specie di linguetta rivolta da una sola parte (ad esempio, i "petali" bianchi delle margherite).
Si distinguono due gruppi principali di Asteraceae:
a) Tubuliflore con fiori tubulosi e a volte con fiori ligulati raggianti (ad es. la margherita);
b) Liguliflore con soli fiori ligulati (ad es. il Tarassaco).
Nelle Asteraceae il calice č assente, o pių spesso trasformato in pappo, che č un ciuffo di peli disposto al di sopra del frutto (achenio). I peli del pappo possono essere semplici o piumosi (con tanti peluzzi laterali). Forma e dimensioni degli acheni sono importanti per l'identificazione: essi possono essere cilindrici o compressi, sormontati o no da un becco. Per apprezzare i caratteri del pappo e degli acheni č indispensabile la lente.

PrecedenteIndiceSuccessivo