Guida alle piante
del Giardino Botanico di Valbonella (Foreste Casentinesi)
Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna

Pier Luigi Nimis, Nevio Agostini, Carlo Pedrazzoli, Davide Alberti
.
Foto di Andrea Moro

All’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, a circa 3 km da Corniolo (FC), il Giardino Botanico di Valbonella è un vero e proprio museo all'aria aperta, costituito da circa 2 ettari completamente dedicati a riprodurre gli aspetti vegetazionali e floristici dell’Appennino romagnolo. Realizzato nel 1983 il Giardino racchiude una ristretta area in cui trovano spazio numerose specie botaniche minacciate e protette dalla Legge Regionale dell’Emilia-Romagna nr. 2/77, catalogate e messe a dimora nei vari ambienti a seconda delle esigenze ecologiche e pedologiche.
Il giardino botanico è al momento organizzato in tre percorsi principali (1. bosco; 2. torrente e zone umide; 3. rupi, praterie e arbusteti), ognuno di essi corredato di brevi guide di approfondimento. Sui sentieri le piante sono identificate da cartellini con informazioni relative alla specie, oltre che alla loro corologia e forma biologica, mentre alcuni pannelli di approfondimenti facilitano la comprensione degli ambienti e della ecologia.
Da quando l’Ente Parco nel 1998 è diventato concessionario del Giardino Botanico, particolare attenzione è stata rivolta a garantire alcuni servizi fondamentali quali visite guidate, laboratori e altre attività di educazione ambientale. In questo senso la realizzazione di una chiave di riconoscimento della flora del Giardino Botanico è un passo fondamentale nel percorso di valorizzazione della struttura e dell’offerta formativa rivolta alle scuole, un tentativo di rendere la visita al giardino una vera esperienza di riconoscimento della biodiversità dell’Appennino romagnolo.



Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback