Il parco di Villa Dalla Pasqua a Belfiore (Pramaggiore, VE):
una guida alle piante legnose

Pier Luigi Nimis, Luca Pandolfo, Roberto Romanin
-
Foto di Andrea Moro

Il piccolo centro di Belfiore (Pramaggiore, VE) è un antico borgo rurale la cui parte dominante e storica è costituita dal complesso architettonico di Villa Dalla Pasqua, sita sulla riva destra del fiume Loncon, che attraversa l’intero abitato di Belfiore. L’ edificio è al centro di un parco con alberi secolari di gelso, utile un tempo per la coltivazione dei bachi da seta, di alti frassini e di querce molto antiche. Questo complesso, caratterizzato da una particolare configurazione planimetrica a ‘corte chiusa’ di tipo difensivo, è uno degli edifici più antichi, ubicato nella parte ad ovest chiamato la ‘Castellina’ e risale presumibilmente al secolo XV. La villa fu dei Dalla Pasqua poi Venier, oggi proprietà dell’Azienda Territoriale per l’Edilizia di Venezia. Adiacente ad essa, troviamo il mulino, sede del Museo Etnografico della Civiltà Contadina. All’interno del museo si possono osservare la sala macine, gli strumenti di lavoro e oggetti utili a diverse attività. Si è voluto così ricostruire la storia agricola-economica del nostro territorio. Il mulino era già attivo nel corso del XV secolo nel contesto della giurisdizione dei signori della Fratina. All’ interno rimane traccia di uno stemma della famiglia veneziana Grimani che dagli inizi del Seicento era proprietaria della costruzione. Il mulino restò attivo fino alla fine degli anni ‘40 gestito dalla famiglia Dalla Pasqua. Negli anni ‘60 l’intera proprietà dei Dalla Pasqua fu ereditata da un esponente della famiglia Venier, il quale, a sua volta la cedette al comune di Pramaggiore nel 1995.
Questa guida interattiva alle piante legnose del parco è stata realizzata in collaborazione tra il Comune di Pramaggiore ed il Progetto SiiT, coordinato dal Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste, nell’ambito dell’iniziativa ‘Verde Pubblico’, che mira a valorizzare le aree verdi comunali creando strumenti interattivi di facile consultazione per avvicinare i cittadini alla conoscenza della biodiversità e soprattutto per fornire alle scuole uno strumento che permetta loro di utilizzare le aree verdi comunali come veri e propri ‘laboratori all’aperto’ in cui svolgere attività didattiche centrate sull’identificazione delle piante.
Il progetto SiiT (Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera) è finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.

Indirizzo ed info contatti: Via Belfiore 38, Belfiore di Pramaggiore, 30020 – VE, Tel 0421/200317, 0421/200637 durante gli orari d'apertura, email biblioteca@comune.pramaggiore.ve.it



Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback